Antonella, Eva, Taina, AlinaAntonella, Eva, Taina, AlinaAntonella, Taina, AlekszejAlekszej and a little friend

                                                  Antonella, Eva, Taina & Alina                                                       Antonella, Alekszej, Taina                              Ale & young friend

Carattere e Comportamento del Cane da Pastore della Russia Meridionale:

Dominante, fiero, coraggioso, indipendente, equilibrato, intelligente; questi sono tutti aggettivi che il Cane da Pastore della Russia Meridionale possiede, aggettivi positivi che rendono la razza estremamente attraente soprattutto se associati all’aspetto fisico così particolare; ma attenzione questi sono attributi caratteriali che devono essere gestiti e sviluppati con estrema cura, cautela e consapevolezza da parte del proprietario del cane, altrimenti potrebbero trasformarsi  veramente in armi  a doppio taglio.
E’ fondamentale, quando si è attratti da questa razza, documentarsi e chiedere informazioni ad un allevatore serio e competente sugli aspetti caratteriali del russo ed avere molta capacità di autocritica per poter decidere se questo è il cane per noi.
Normalmente il Russo Meridionale non è una razza che viene consigliata a persone che non hanno mai posseduto un cane, ne a persone che vogliono avere dal proprio cane la totale, completa sottomissione per dimostrare a se stesso e, soprattutto agli altri, di essere una persona forte e degna di rispetto, e neanche  a persone che lasciano fare al cane tutto quello che desidera.
Il Cane da Pastore della Russia Meridionale è un cane che è stato creato dall’uomo, ma plasmato e forgiato dalla natura affinché potesse svolgere quel difficile e pericoloso compito che è appunto la guardia e la difesa degli armenti. Alekszej
L’uomo ha preteso dal cane una totale devozione e lealtà verso il gregge o la mandria; devozione e lealtà  tanto grandi da portare il cane a non considerare più questi animali come prede,  ma oggetti da custodire e difendere anche a costo della propria vita da predatori come felini, orsi, lupi ed addirittura dall’uomo stesso.
L’ambiente ha forgiato la razza dotandola di tempra e resistenza non comune.
La steppa, senza ripari per le intemperie, con le sue escursioni termiche, ha selezionato soltanto gli esemplari più resistenti.
Al cane custode degli armenti è richiesta la capacità di vivere a contatto con gli animali da custodire anche in assenza  del pastore e anche per  lunghi periodi .
Il cane deve riuscire a sopravvivere autonomamente e mantenere nel contempo la capacità di affrontare eventuali nemici.
Spesso affrontare i nemici significa non combattere fisicamente ma inscenare una guerra psicologica con l’avversario  in modo che questi, intimorito, desista e rinunci ad attaccare il bestiame.
Quindi al cane da pastore-custode è richiesta la capacità di variare il proprio comportamento in funzione della situazione; variazione che avviene del tutto autonomamente senza nessun aiuto da parte dell’uomo.
Tutto questo ha portato il Russo Meridionale (ed in generale tutte le razze di cani guardiani del gregge) ha sviluppare un carattere molto forte ed indipendente ed una capacità decisionale autonoma; tutto ciò ha spesso creato grossi problemi di gestione a quelle persone che si sono avvicinate al Russo (e alle razze affini) considerando solamente le caratteristiche fisiche e sottovalutando la difficoltà di gestione di quelle caratteriali.
Il Russo Meridionale considera gli averi del suo proprietario come personali e li difende da chicchessia a qualunque costo; quando un Russo è a guardia di qualcosa o qualcuno, o lui pensa di doverla custodire, può diventare veramente aggressivo.
Il territorio dove lui vive è “off limit” per chiunque non sia una persona da LUI considerata amico, ripeto da lui, perché non è scontato che, se il Russo ha permesso qualche piccola confidenza al di fuori del proprio territorio da qualcuno, sia disposto a sopportarla anche all’interno del suo regno.
Quando non è a guardia il Russo adulto è un cane tranquillo, rilassato, rispettoso ma che pretende rispetto.
In giovane età, fino verso i 15 mesi circa,  il Russo Meridionale è un cane molto allegro, gioviale, giocoso e confidenziale ma all’improvviso, come se scattasse un interruttore, diventa decisamente più tranquillo, serio, responsabile, più maturo insomma.
Il Russo adulto non è un cane esuberante, invadente o chiassoso; è un compagno molto piacevole verso il quale ci si rivolge con estrema naturalezza come se si fosse in presenza di una persona.
E’ veramente una sensazione particolare, credetemi, quella di sentirsi osservato dallo sguardo invisibile di un Russo Meridionale tuo amico, specie se sei il suo punto di riferimento più importante.
Il Russo Meridionale non è un cane che può vivere in appartamento sia per le sua caratteristiche fisiche  che per quelle psichiche-caratteriali,  ma non bisogna nemmeno  commettere l’errore di relegarlo fuori in giardino, senza la possibilità di avere continui contatti con la famiglia perché potrebbe diventare un cane ingestibile.

Taina and EvaIl Russo Meridionale è un cane che deve essere seguito fin dalla più tenera età dal proprietario e soprattutto nella giusta maniera,  senza commettere errori.
Estremamente importante è la SOCIALIZZAZIONE che deve essere cominciata e gestita fin da quando il cucciolo ha 3 settimane di vita (comincia la fase di interazione tra conspecifici e non e quindi con l’uomo); quando il cucciolo ha terminato il ciclo vaccinale (dopo le 12 settimane di vita) e può , quindi , uscire senza correre più il rischio di contrarre malattie infettive, è necessario, anzi indispensabile, cominciare a fargli conoscere più cose possibili.
E’ indispensabile che il cucciolo abbia delle esperienze positive e soltanto positive nei confronti di persone e di altri cani ; non bisogna mai aizzarlo verso qualcuno o qualcosa e bisogna sempre essere pronti a rassicurarlo in caso di necessità.
Socializzare un cane non significa farlo diventare amico di tutti e quindi fargli perdere la capacità di essere un buon cane da guardia e difesa, anzi una buona socializzazione  gli permetterà di diventare un soggetto più equilibrato perché più sicuro di se stesso, ed essere in grado di valutare l’esistenza di un pericolo reale o meno e quindi di rispondere nella giusta maniera.
Bisogna comunque tenere presente che un Russo Meridionale anche se ben socializzato ed educato è sempre un cane molto dominante, indipendente ed estremamente riservato.
Non permettete a nessuno durante una passeggiata di avvicinarsi al cane con l’intento di toccarlo senza le necessarie “presentazioni” e mai comunque fate toccare il cane sulla testa, potrebbe scapparci il “morsetto di avvertimento”; è difficile per uno sconosciuto capire quando ad un Russo non piace essere oggetto di attenzioni in quanto non manifesta in questo caso emozioni.
Non è possibile guardarlo negli occhi in quanto questi sono coperti dal pelo, e generalmente non emette nessun ringhio di avvertimento: può scattare improvvisamente e “pinzare” (generalmente in questa situazione è difficile che il Russo morda seriamente, vuole solo a modo suo dire di essere lasciato in pace).
Questo  modo di comportarsi  nell’esternare il proprio disappunto ha attirato sul Russo Meridionale  la fama di razza aggressiva  e pericolosa, ma questo  non è vero!
Il Russo è un cane che non tollera confidenze da parte di sconosciuti.
Posseggo 3 soggetti di Russo Meridionale dei quali uno è un maschio dal carattere molto forte e dominante, nonostante ciò  ha viaggiato per tutta l’Europa sia per andare in esposizione che in vacanza e non ha mai dato  problemi  ne in ring ne fuori dal ring. Questo sta a dimostrare che una buona conoscenza del  proprio cane  ed il giusto controllo sullo stesso ne  permettono una gestione serena.
Il Cane da Pastore della Russia Meridionale è un cane molto equilibrato, e se così non fosse non avrebbe potuto per millenni lavorare a fianco e per l’uomo; semplicemente non è un cane per tutti.

Alekszej & meSarisin´s Snezhnaya TainaAlinaAlina & me
     Alekszej & me                                         Taina in the snow                                         Alina                                 Alina & me
 

Introduzione  Storia  Standard  I Miei Cani

Carattere  Cuccioli  Foto album  Rainbowbridge

Links  Email me  Guestbook

(c) Sergio Zavattaro, 2008